In love with Japan

Un`italiana a Tokyo

Sia aperta la caccia al takenoko! 竹の子

3 commenti

E che animale e` il takenoko?

E` l`ingrediente piu` sexy del giappone, nonche` uno dei tanti super salutari.  E` colmo di proteine, fibre, vitamina B2 ( che lavora per far respirare le nostre cellule, oltre a mille altri processi chimici buoni ma lunghi da spiegare), B6, potassio e zinco. C`ha pure manganese e rame, ma non pensate di farci un braccialetto, sappiate invece che i due insieme aiutano le nostre difese immunitarie e i processi antinfiammatori. Non e` che sono diventata scienziata tutto d`un tratto e` che quando inizio a documentarmi…ma la smetto, dai. Scusate.

 

Immagine

Takenoko, germoglio di bamboo 竹のこ

 

Avete capito cos`e`? E` il germoglio di bamboo. Di bamboo ce n`e` oltre 1000 specie ma che fanno questi germogli commestibili ce n`e` solo un centinaio. Durante tutto l` anno nei supermercati si trovano gia` trattati e bolliti.  In questo periodo invece si vedono cosi` ancora pelosetti e freschi, e possono pesare anche 2kg. Ovviamente non ho resistito, dovevo sperimentare il takenoko di stagione!

Come si prepara? Prima di tutto si lava e si taglia in diagonale la punta (4-5 cm) e poi per lungo si fa un`incisione fino al centro, cosi` da accelerare la cottura.

Taglio del bambooIncisione verticale

Si possono togliere anche le “foglie” piu` esterne, che comunque non sono commestibili e si pulisce bene anche intorno la base.

Preparazione bamboo Pulizia della base

Il bamboo va bollito per 50 minuti circa per un`importante ragione: togliere l`aku, cioe` l`amaro, che e` provocato dalla presenza di cianuro. Ecco, adesso non fatemi gli struzzi. Basta bollire, non succede niente, dai! A parte che…quando lo trovate il bamboo fresco al supermercato? Beh, c`e` sempre qualcuno che puo` avere il boschetto di bamboo in casa, no? Plausibile.

I giapponesi usano l`acqua “inamidata”(!) di lavaggio del riso. Sciacquano il riso tre volte e l`acqua bianca la tengono in un pentolone dove poi immergono il takenoko.

Riso di Niigata, GiapponeRiso

Risciaquo del risoScolatura

Meglio ancora e` usare le scorze del riso polverizzate, avendole. Ci mettono anche sopra l`otoshibuta, letteralmente il coperchio caduto (nella pentola), per tenerlo tutto immerso nell`acqua.

Acqua "inamidata" del risoTakenoko in cottura

Poi va sbucciato e si puo` mangiare cosi`, tagliato come vi piace, sottile, a pezzettoni… Sbucciarlo e` molto semplice e anche fino a dove vanno tolti gli strati e` semplice da capire…voglio vedere se provate ad addentare un pezzo della buccia pelosa!

Ma per fare la ricetta tipica e semplice giapponese si immerge ancora un 10 minuti in acqua e dashi  (liquido o secco, e` la base tipica del brodo giapponese, di solito fatto con alga kombu e sarde secche), gli ultimi 3 minuti si aggiungono un po` di alghette wakame e katsuo bushi, o fiocchi di sarda secca. Ecco fatto, buon appetito!

Takenoko con wakame

Annunci

Autore: Laura Grosselle

Vivo a Tokyo dal 2013. Amo il Giappone e la sua cultura. Mi piace scoprirne i paesaggi e raccontare i miei viaggi. Scrivo perche` sono una smemorata e cosi` mi sono decisa a tenere un diario...pubblico, perche` mi piace condividere. Se vuoi puoi scrivermi per commenti, idee, curiosita`... laura punto grosselle chiocciola gmail punto com

3 thoughts on “Sia aperta la caccia al takenoko! 竹の子

  1. congelane un po’ per quando arrivoooo!!! yummyyyy!

  2. Mi ero persa questo articolo! (E avrei risparmiato la domanda sul dashi!!!!). Ma che sapore ha? A vederlo mi da l’idea di un carciofo! Mi piace tanto leggere il tuo blog!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...