In love with Japan

Un`italiana a Tokyo

Kakigori che bonta`! かき氷は美味しい!

9 commenti

 E` arrivata l`estate!!!! E con lei la stagione delle piogge!!! E con lei l`umidita`. Ma soprattutto il caldo, e il bello del caldo e` il kakigori かき氷, la granatina giapponese. Non e` mica come le nostre granatine. Il ghiaccio viene tagliato sottile sottile da piccole macchine azionate a mano e in bocca e` fresco ma si scioglie, non si sgranocchia come le granatine che ti fanno rischiare un molare ad ogni morso.

Macchina per kakigori かきごうり機械

Macchina per kakigori (vecchio stile) かき氷の機械

Il kakigori si trova in mille gusti, di solito per strada viene venduto da bancarelle ambulanti che lo servono a strati alti, come un grattacielo (!) su una coppetta e poi viene cosparso uno sciroppo alla fragola, menta, limone o mille altri “gusti” che sono piu` colori che altro.

Kakigori mille gusti

Kakigori mille gusti 色々な味のかき氷

Oggi proviamo a fare il kakigori classico ( ujikintoki) 宇治金時, il padre di tutti i kakigori. Quello al the` verde, con “crema” agli azuki 小豆 e shiratama 白玉. E` la “mia versione”, non credo che i giapponesi lo facciano proprio cosi`. Pero` mio moroso alla fine mi ha detto: “E` proprio come quello della mamma!”. Quindi io intasco il complimento e me lo mangio soddisfatta!

Ingredienti

Per gli azuki: azuki secchi 250 gr, zucchero (la quantita` che preferite, nel mio caso 80gr circa), pizzico di sale

Per la granatina: polvere di the` verde (1,5 cucchiai), acqua, gelatina

Per i shiratama: farina di riso speciale per moci, acqua

Procedimento

  •  Partiamo dagli azuki. Hanno bisogno di stare 24 ore a bagno se non volete doverli cucinare per 3 ore, poi. Quindi organizzatevi per tempo! Oppure, semplicemente, comprate le lattine di azuki gia` pronti e dolcificati. Ovvio che non e` la stessa cosa, vero?! Io ho preparato direttamente una confezione di azuki essiccati da 250 gr in modo da averne per un paio di giorni (si conservano in frigo) ed col pensiero di dividere il resto in piccole porzioni da refrigerare. Nel nostro caso nessun piccolo azuki e` arrivato al freezer, ce li siamo mangiati tutti in ben 3 giorni!
Ammollo di azuki 小豆

Ammollo di azuki 小豆

IMG_2304IMG_2305

Metto gli azuki in pentola con 3 parti d`acqua e 1 di azuki, porto a bollore, butto l`acqua e riempio di nuovo sempre con le stesse proporzioni acqua/azuki. E` importante mettere acqua in abbondanza perche` cuocendo a lungo e senza coperchio potrebbe asciugarsi troppo e quindi bruciare i fagiolini. Ogni tanto tolgo la schiuma che si forma in superficie e aggiungo un poco alla volta lo zucchero finche` raggiunge la dolcezza che piu` vi piace (considerate che quando si raffreddera` la sensazione di dolce aumentera`). Cuocere cosi` per 1 ora circa. Per controllare la cottura prendete un azuki: si deve spappolare. Alla fine aggiungete un pizzico di sale.

IMG_2311

  • La granatina non ci vuole niente per farla…se avessimo la bellissima macchina apposita potremmo comprare il cubo di ghiaccio e farlo tagliare alla macchina. In ogni caso bisogna fare lo sciroppo. Sciolgliamo 2 cucchiaini di gelatina in 2 cucchiai di acqua calda. E qui io ho sciolto la polvere di the` verde ed ho aggiunto circa 350 ml d`acqua, quindi invece che uno sciroppo ho preparato una granatina tutta al the` verde. In freezer per un paio d`ore mescolando di tanto in tanto cosi` che la polvere non scenda tutta sul fondo. (Se volete solo lo sciroppo non aggiungete l`acqua e non refrigerate! 😉
Acqua calda e gelatina

Acqua calda e gelatina

Polvere di the` verde

Polvere di the` verde

Futura granatina di the` verde

Futura granatina di the` verde

  • Prepariamo i shiratama molto facilmente. Prendiamo 50 gr di farina di riso e la impastiamo con altrettanta acqua (attenti: cambia molto a seconda dell`umidita` dell`aria). Si forma una pasta bianca che deve avere la morbidezza di un lobo d`orecchio – traduco letteralmente dalla mia maestra cuoca giapponese. Poi si formano delle palline di circa 1,5 cm di diametro. In un pentolino si prepara l`acqua bollente e quando bolle buttiamo le palline schiacciandole delicatamente fra le dita per una cottura migliore. Quando riemergono le lasciamo 1 minuto.  Scoliamo e lasciamo in una ciotola con acqua fredda. Si possono conservare cosi`in frigo per un paio di giorni (poi iniziano a disfarsi).
Farina per moci

Farina di riso

IMG_2313

IMG_2317

IMG_2327

IMG_2328

Si capisce? Ovvio che in Italia la farina per i shiratama non si trova facilmente, ma di sicuro la granatina al the` verde e gli azuki li potete fare. Mamma che buono!

IMG_2345

今日は宇治金時を作りましょう!

  • 小豆:まず、小豆は一日中、水につけておきます。その後、水を捨てて、大きい鍋に小豆の3倍の量の水を入れて沸騰させます。沸騰したら、水を捨てて再度4倍の水を入れて沸騰させます。沸騰したら、弱火にして1時間ぐらい煮ます。この間少しずっず砂糖を入れます(あなたの好きな甘さにします)。最後に塩を少しだけ入れて、味をととのえます。
  • お茶のシロップ:まず、ゼラチンの小さじ2杯と水の大さじ2杯をボールに入れて、まぜて、電子レンジで温めます(ゼラチンを溶かすために)。お茶のパウダーを大さじ2杯入れて、まぜて、最後350ミリの水をたして、冷凍庫に入れて。時々まぜて。
  • 白玉:白玉粉の50グラムをボールに入れて水をたして、まぜます。耳たぶくらいの柔らかさになるまでまぜます。1,5センチのボールを作って、沸騰したお湯に白玉粉を入れて、取り出した時に指でつまんでゆでぐあいをたしかめます。白玉粉が鍋のそこから上の方に浮いてきたら1分後に出して、冷たい水に入れます。

全部の作った材料をもりつけて私達の宇治金時はできあがりです!

Ciao amici!!!

Annunci

Autore: Laura Grosselle

Vivo a Tokyo dal 2013. Amo il Giappone e la sua cultura. Mi piace scoprirne i paesaggi e raccontare i miei viaggi. Scrivo perche` sono una smemorata e cosi` mi sono decisa a tenere un diario...pubblico, perche` mi piace condividere. Se vuoi puoi scrivermi per commenti, idee, curiosita`... laura punto grosselle chiocciola gmail punto com

9 thoughts on “Kakigori che bonta`! かき氷は美味しい!

  1. sei un MITO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Incredibile!! sembra molto buono e appetitoso!!! ma difisssie da fare no?!??!?!

  3. La granita coi fagioli non mi sconfiffera molto però te la concedo! ……e poi stai diventando il mio eroe cucina bolli cucina e mescola tutto x una granita!!!!!!!! Mi dispiace essermi persa le puntate precedenti di questa tua sstoria.

    • C`hai proprio ragione Cri, mi sa che l`ho fatta piu` difficile del necessario. Manca un ni nin di chiarezza! Pardon! Comunque io persevero, continuo a provare e fare nuovi kakigori. Oggi abbiamo comprato la macchina per tritare il ghiaccio!! gnam gnam…

  4. Anche io ho mangiato kakigori ieri ha Kyoto! Siamo andate in un posto dove te ne danno una montagna vera e la mia amica ha preso appunto maccha azuki (ma non va l’anco?) E palline di mochi!!! Però a me ilaccha non va giù l ho provato e riprovato ma mi da il voltastomaco! !:(

    • Ommioddio ieri HA Kyoto non si può leggere!!! Scusatemi è stata una svista! XD

      • Ehehe…non ti preoccupare, gli “orrori” non si contano qua! nessuno giudichi, è il primo grande insegnamento da mettere in pratica.
        Invidio il tuo kakigori a Kyoto, luogo pieno di ispirazione e magia. Per non parlare del kakigori “vero”, altro che quello che faccio io! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...